Il tamburo degli sciamani – l’iniziazione di Monica

Monica è una sciamana. Ricorda il contatto con la Terra e con il ritmo, con il sogno di potere e gli animali consapevoli.
Oggi ci racconta un passaggio fondamentale della sua formazione: l’iniziazione al tamburo degli sciamani.

La storia nasce tra le mura della casa dove io scelsi di nascere.

Questa casa è stata costruita prima del 1900, in un Podere vasto, di campi e boschi. Le sue terre confinano con altri Poderi e una vecchia chiesa.
E’ un luogo magico, pieno di sentieri, sentieri che raccontano storie. Storie di antiche tribù, storie su momenti duri di guerre e grandi cambiamenti.

Proprio su questi sentieri feci un salto nel mondo magico.
Mi si apri al centro del petto un canale di luci e colori: ero ben presente nella vita, ma ero anche di là con loro, mi sentivo sul ponte della comunicazione.

Rimasi ad assaporare quel momento respirando quella bellezza. Ero felice! Vedevo questa dama della Terra, che era come la sovrana, e le altre creature fatate tutte attorno come piccole lucciole. Mi diede questo Ricordo…. Erano i Fatati della Tradizione del Drago Trasparente.

Mi fecero vedere cosa dovevo costruire. Era il disegno di uno strumento musicale: il Tamburo degli sciamani.

Il tamburo degli sciamani
Il tamburo degli sciamani – Il ricordo

Con questo disegno iniziai a Ricercare il materiale per concretizzare questa possibile Opera d’Arte. Fu un percorso di due lunghissimi anni. Ogni volta che andavo oltre i miei limiti e riuscivo ad affrontare le situazioni con un altro atteggiamento, mi si apriva il Ricordo. Man mano le informazioni venivano strutturate.

Arrivai ad una comprensione: per avere il materiale e costruire il tamburo degli sciamani dovevo farlo da me, da sola, con autonomia.

Chiesi alla Madre Terra – Lei mi diede il compito di conciare le pelli degli animali e fu una lunga lotta interiore.

Poi canalizzai gli animali, li sentii onorati di essere parte di un rito sacro. Mi raccontarono l’uso e la qualità delle loro pelli, ma soprattutto come avrebbero dovuto essere lavorate per mantenere il suono naturale dell’essenza dell’animale e della terra.

Poi mi rammentarono con un atteggiamento spietato: “il tempo della nostra partenza giungerà, quindi decidi!”

Canalizzai il loro amore: era pieno di speranza e di sostegno per l’evoluzione umana. Strinsi i denti ed accettai quel patto! Con tutto il coraggio e l’amore per la nostra possibilità, io ero solo il canale per portare alla concretizzazione quella possibile unione.

Sono una donna ricca di emozioni e sentire, per giungere a concretizzare questo lavoro, dovevo seguire un canale preciso, non perdermi. Tutti i giorni dovevo canalizzare informazioni dandogli una sequenza. Dovevo fare esercizi fisici e stare centrata per avanzare in questo progetto.

Il tamburo degli sciamani
Il tamburo degli sciamani – La cerva

Cercavo e richiamavo l’animale che era alla fine del suo percorso sulla Terra, e questi mi indicava il giorno in cui incontrarlo, mi diceva le particolarità di sé stesso

Entrai in contatto con un gruppo di cacciatori selezionati. Io informavo i cacciatori: ogni mese un animale diverso. Capriolo maschio, Capriola Femmina, Cervo adulto o Sub Adulto, fino ad arrivare un giorno alla Cerva Adulta. Non mi sentivo in grado di gestire questo contatto da sola. Chiesi aiuto agli Avi della Tradizione del Drago Trasparente, i quali arrivavano a darmi sostegno, e con loro giunsero gli Avi della mia famiglia d’origine. Mi sentivo talmente sostenuta, che la paura scivolava via tra gli alberi di quel bosco…

Canalizzai come conciare le pelli

Come togliere il pelo e il come scarnare e portarla ad essiccare. Seguì le indicazioni… mai fatto una cosa del genere in questa vita!

Costruii così il primo tamburo degli sciamani con pelle di capriolo maschio. Sperimentai il suo suono su di me. Fu una ricerca forte: quando avevo dei disagi fisici o animici, mettermi a suonare questo strumento mi dava informazioni ed il malessere passava. Depositate in questo dolore trovavo informazioni che il mio mentale respingeva.

Tutta questa ricerca per concretizzare una creatività interiore mi ha dato la possibilità di contenere le mie emozioni, la mia energia vitale, e dirigerle verso un obiettivo

Così iniziai ad utilizzare i miei talenti per costruire il tamburo degli sciamani anche ad altri. Ricercavo e canalizzavo per trovare la pelle ed il legno adatto a quella persona, appuntavo ogni notizia e la concretizzavo. Man mano che il tempo passava mi rendevo conto di quanto poteva essere utile far sì che le persone si costruissero il proprio strumento.

Creai un corso per costruire il proprio tamburo e trovarvi il proprio ritmo. Volevo che alla fine del corso le persone arrivassero ad avere tra le mani uno strumento che porta a comunicare con la parte sottile, a conoscere ciò che amano di loro e ciò che respingono di sé e della vita.

Monica Montebugnoli

Operatrice olistica

Profondamente legata al contatto con la Natura e la Terra, Monica utilizza ed insegna l’arte del tamburo sciamanico e del canto di potere. Propone inoltre agli studenti il corso “L’arte dei ritmi”, per guidarli a conoscere e riscoprire le vibrazioni dei chakra e della Terra.

Potrebbe anche interessarti…

MONICA: SCIAMANA DEI RITMI

Monica Montebugnoli è l’operatrice olistica creatrice de “L’arte dei ritmi”, una forma meditativa basata sull’utilizzo del tamburo sciamanico e del canto di potere. In questa intervista ci racconta il suo rapporto con il ritmo e con l’affascinante mondo interiore alla base delle sue serate.

Ti è piaciuto leggerci? Scrivici!

Visita il nostro gruppo Facebook

Scambiamoci impressioni, commenti, link interessanti. Entra nel nostro gruppo online e partecipa anche tu!

Altri articoli nella categoria “Magia”

Il tamburo degli sciamani – l’iniziazione di Monica

Un racconto dimenticato – Negli anni prima del nostro tempo

L’intento e l’ignoto – Raccolta di articoli

La geometria sacra del Cerchio: ignoto e definizione

Rispondi