Non c’è tempo

Allora il medico dice: “La brutta notizia è che non le resta molto da vivere”. Il paziente chiede preoccupato: “Quanto mi resta, dottore?”. Il medico risponde: “Cinque”. Il paziente, perplesso: “Cinque cosa?” E il medico: “Quattro, tre, due…”

Uno

Respira…
Sei sulle montagne russe
I carrelli vengono tirati dal gancio su per la salita iniziale

Non c’è tempo

CINQUE

Lentamente la sommità si avvicina
Il rumore ritmico degli ingranaggi sotto il sedile

Non c’è tempo

QUATTRO

Le persone giù diventano sempre più piccole
Arriva per un attimo il profumo dello zucchero filato

Non c’è tempo

TRE

Respira…
Il primo vagone è proprio adesso lassù
In bilico

Non c’è tempo

DUE

Ma perche ci sono salito?
E se si stacca una rotaia?
Respira…
Avrò digerito il pranzo?

UNO

La temperatura del nostro pianeta non è mai stata così elevata

Il bullismo è un’importante causa di suicidio tra i giovanissimi
L’inquinamento ha ridotto drasticamente la biodiversità

L’utilizzo del cellulare aumenta notevolemente il rischio di tumore

I delfini muoiono soffocati nella plastica

Qui va tutto a puttane baby

A breve potremmo essere estinti

Non parlo di secoli, nemmeno di decenni

Parlo di MESI

Il primo carrello è già lì in bilico – Lo vedi?

CINQUE

Domani è un altro giorno

Musica da film – Tramonto – Titoli che scorrono
Un gran finale

Però di solito il film degli esseri umani finisce più tipo

“Hey, ma che cazz…”

E sei morto

Te l’eri immaginato diverso, eh?

Già – Niente finale ad effetto
Niente nome sulla locandina

E soprattutto NIENTE DOMANI

No, non te lo immaginavi così

Secondo te
Chi viene investito sulle strisce pedonali

Chi è sul treno che deraglia
Chi va a dormire e non si sveglia più

Se lo immaginava così?

QUATTRO

Invertiamo il punto di vista
Consideriamo per un attimo che gli umani non siano sulla Terra per vivere

Ma per morire

Produciamo merendine squisite che contengono 20 milioni di sostanze dannose per il corpo
Il 107% della popolazione mondiale è stressata
Il 4000% di loro è anche incazzato

Perché si sale sulle montagne russe?

Guidiamo auto che vanno a velocità 10 volte superiori a quanto i nostri riflessi siano progettati per gestire
Basiamo il nostro sviluppo sull’utilizzo e la combustione di sostanze per noi tossiche

E naturalmente ci facciamo la guerra

Praticamente di continuo, ci ammazziamo con qualsiasi pretesto
In grande e in piccolo

Perché si sale sulle montagne russe?

Perché si nasce sulla Terra?

Qui va tutto a puttane baby

TRE

Il desiderio è una forza potente

Desideriamo essere

Sani e forti / Felici e soddisfatti / Al sicuro

Il desiderio accende l’immaginazione
Cosi l’immaginazione ci gioca brutti scherzi

Immaginiamo che

Sia ammalano gli altri, noi no / La Terra continuerà ad essere ospitale per noi / La nostra opinione abbia un peso rilevante

Immaginiamo domani

Musiche da film e ruoli importanti

E ci dimentichiamo dove siamo

Desideriamo sopravvivere

Così immaginiamo di avere tempo

E poi un giorno, all’improvviso
“La brutta notizia è che non le resta molto da vivere”

Non dirmi che non lo sapevi

Lo sapevi benissimo
Ma lo avevi scordato

Perché si sale sulle montagne russe?

Quando la cima della rampa si avvicina

Lo scordiamo

Allora ti dico un segreto che in fondo già conosci

NON c’è tempo!

Non è affatto sicuro che ci sia un domani dopo questa notte
È anche incerto ci sia un minuto dopo quello in corso

Desideri non sia così perciò non mi crederai
Ma sappi che

NON c’è tempo

NON HAI tempo!

Siamo quasi alla cima della rampa

NON hai tempo!

Non hai MAI avuto tempo

Hai solo desiderato di non morire e ci hai creduto

Ma NON hai tempo!

NON HAI tempo!

Perché si sale sulle montagne russe?

DUE

Respira…
I carrelli vengono tirati dal gancio su per la salita iniziale

Perché si nasce sulla Terra?

Procedono lentamente, la sommità si avvicina

Qui va tutto a puttane, baby!

Il rumore ritmico degli ingranaggi sotto il sedile

Domani è un altro giorno – Ma se non ci fosse un domani?

Le persone di sotto diventano sempre più piccole

Tocca davvero a me questa volta?

Arriva per un attimo il profumo dello zucchero filato
Respira…
Il primo vagone è proprio adesso lassù
In bilico

Perché si sale sulle montagne russe?

Perché si nasce sulla Terra?

Uno

Così alla fine tocca davvero a te

E ci sei

Lassù…
…in bilico

Finalmente senza

La ragazza che vorresti invitare fuori
Il bacio che non riesci mai a dare
Il compagno di classe che ti piaceva
Gli abbracci dell’infanzia
Il sapore del tuo piatto preferito
Il dolore di quando sei nato
Quella volta che ti sentivi felice
Il tuo cane che ti fa le feste
Quell’orgasmo meraviglioso
La notte più lunga
Il profumo del mare
Quando hai imparato il tuo nome
L’erba sotto i piedi
La canzone che sai a memoria
Il messaggio che non hai mai cancellato
La telefonata che non hai trovato il coraggio di fare
La tua partita più bella
Il viaggio dell’estate
I tatuaggi che hai addosso

Finalmente senza
te

Finalmente

Lassù…
…in bilico

Non hai più nulla
Non sei più nulla

 

E per un istante
Ci sei

ZERO

Altri articoli su questo stile:

L’arte non è sopravvivenza

C’è altro. Ma non ha le forme che ti hanno insegnato.
Non ha i nomi che ti hanno detto di usare.
Chiamiamo questo altro “arte” per il momento. 
Solo “Arte”. ARTE.

Ti è piaciuto leggerci? Scrivici!

Visita il nostro gruppo Facebook

Scambiamoci impressioni, commenti, link interessanti. Entra nel nostro gruppo online e partecipa anche tu!

Rispondi